Mappa
Caratteristiche

Topograficamente, in una linea ideale che unisce tutti i pantani della Sicilia sud orientale, il pantano Auruca occupa una posizione centrale. Infatti, andando verso Est incontriamo i pantani Baronello-Ciaramiraro, Punta Pilieri,Morghella e Marzamemi, mentre andando verso Ovest si arriva ai pantani Cuba, Longarini e Bruno.Misura circa 25 ettari. Il fondo è irregolare perché attraversato da tanti canali (“saie”) e ricoperto da una fitta vegetazione. La profondità, per la presenza delle tanti “saie”, varia da 50 cm a 1,70 metri all’ incirca. Nel passato i contadini vi si recavano per mietere sia il “carpitieddu”, tipo di canne della famiglia dei giunchi, che sfruttavano per legare (“liari”) i tralci delle viti,sia la “cannizzola” tipo di canne sottili utilizzate per la realizzazione di barriere frangivento a protezione dei vigneti . Tale tradizionale abitudine è andata progressivamente scomparendo, man mano che andavano a scomparire i vigneti a vantaggio delle serre, che, anche se hanno ampiamente contribuito allo stravolgimento del paesaggio in tutto il territorio comprensivo dei pantani della Sicilia sud orientale, tuttavia sono state il volano per la creazione di tanti posti di lavoro e di invidiabile benessere economico in una zona tradizionalmente povera e che vantava ( si fa per dire…)uno dei tassi di emigrazione più alti d’Italia! Al centro del pantano è presente un folto raggruppamento di alberi di tamerici(“vuruchi”) che formano un vero e proprio boschetto difficile da penetrare, frequentato da molti volatili. Il pantano è diviso in due da un grosso canale (“saia mastra”) profondo dai 3 ai 4 metri, attraverso il quale l’acqua, superato un certo livello, fluisce a mare. Essendo presenti tanti canali, l’acqua, se pure in maniera molto limitata, permane anche nei mesi caldi, permettendo la perenne presenza di tartarughe palustri. Verso la fine degli anni 80, nella parte sud del pantano, il proprietario aveva realizzato una rudimentale struttura per l’ allevamento del pesce, oggi quasi del tutto in disuso. Questo pantano, essendo il più ricco in vegetazione,è frequentato più di tutti gli altri dal pollo sultano, un rallide che si era completamente estinto in Sicilia e che è ricomparso dopo la sua reintroduzione nel fiume Simeto, alle porte di Catania, effettuata alcuni anni fa.

Latitudine: N 36° 41’ 7”
Longitudine: E 15° 3’ 1”
Estensione: 25 ettari
Tipologia di Acque: Salmastre ad essiccamento estivo

Photo Gallery