Sarebbero stati comunicati ai Carabinieri, i dati in possesso su tre maltesi che lo scorso dicembre sarebbero stati osservati nel Pantano Cuba, mentre sparavano contro una Gru. Il Pantano Cuba si trova a cavallo tra le provincie di Siracusa e Ragusa. Il grosso uccello migratore aveva scelto l’area dei Pantani della Sicilia Sud Orientale come luogo di sosta. Stante quanto riportato dal quotidiano Times of Malta, un “guardia caccia” avrebbe osservato i tre maltesi sparare contro la Gru. Lo stesso “guardia caccia” avrebbe cercato di fermare i tre bracconieri, ma questi sarebbero riusciti a fuggire sul loro mezzo prima dell’arrivo dei Carabinieri. Del veicolo sarebbe noto il modello ed il numero di targa. La vicenda fa riferimento al 17 dicembre, per cui è facile suppore che le ricerche degli inquirenti italiani, riferite dal giornale maltese, siano già concluse. Del grave episodio, già da tempo circolante in ambienti protezionisti siciliani assieme ad altre bravate dei bracconieri, ne da conferma il CABS (Committee Against Bird Slaughter) lo speciale Nucleo di volontari antibracconaggio con sede in Germania ed attivo in molti paesi dell’area mediterranea. Il CABS, in una sua nota, ha riportato di avere informato la polizia maltese in merito ai tre presunti bracconieri. I legami tra gli ambienti venatori di frodo maltesi e siciliani, sono storici. In genere, però, sono i maltesi ad acquistare da bracconieri siciliani, come di altre regioni, fauna viva o già uccisa, da destinare rispettivamente all’uso di richiami per i cacciatori e per la tassidermia.

Fonte: GeaPress.org | 20/01/2015
Vai all’Articolo

LA NOSTRA POSIZIONE:
Il Comitato si dissocia fortemente da questi atti di bracconaggio e si impegna ad aiutare le forze dell’ordine affinché i responsabili di tali atti criminosi vengano individuati e puniti secondo legge!!!

Privacy Policy Cookie Policy